Enrico Pruner

Enrico Pruner nacque nel 1922 a Frassilongo, in Val dei Mòcheni. Personaggio chiave della storia politica trentina del dopoguerra, segretario politico e consigliere regionale del Partito Popolare Trentino Tirolese per oltre trent’anni.

Dopo gli studi liceali presso l’Istituto dei Domenicani di Bolzano, nel 1950 si laureò a Milano in Scienze Agrarie. Impiegato a Bolzano, aderì al movimento dell’ASAR (Associazione Studi Autonomistici Regionali). Nel 1952 venne nominato segretario politico del Partito Popolare Trentino Tirolese e, nel novembre dello stesso anno, fu eletto per la prima volta consigliere regionale. Dal 1960 al 1964 fu Assessore nella Giunta Regionale.

Nel corso della sua esistenza portò avanti una serie innumerevole di battaglie politiche sempre tese a dare la massima valorizzazione all’Autonomia. Fu anticipatore di molti temi: si impegnò con ogni forza per la tutela delle minoranze linguistiche, nella difesa delle tradizioni e delle identità dei trentini, dell’agricoltura di montagna e dell’ambiente, europeista convinto, protagonista di ampie alleanze con tutti i movimenti autonomisti e federalisti italiani ed europei. Un politico ricordato ancora oggi per la sua fortissima vicinanza alla gente trentina e capace di esserne interprete genuino.

A oltre vent’anni dalla morte (Trento, 1989) il suo ricordo è di straordinaria attualità, anche in riferimento al dibattito inerente l’Autonomia provinciale e regionale.

Nella primavera 2011 uscirà una biografia di Enrico Pruner curata da Lorenzo Baratter.

Pubblicato in Storia  il 19 Ottobre 2010


PATT