ASAR: a 70 anni dai fatti di Mori

Il 21 settembre 1947 l’ASAR – movimento che era nato nell’estate del 1945 a Trento e che già raccoglieva oltre 100.000 iscritti in tutte le valli trentine, rivendicando “l’autonomia regionale integrale da Ala al Brennero, dentro l’Italia repubblicana” – decise di organizzare a Mori un incontro popolare attraverso il quale si voleva rinsaldare l’alleanza con la Südtiroler Volkspartei (SVP), il partito di maggioranza sudtirolese, nella fase delicata di definizione a Roma degli Statuti per le Regioni autonome.

In un clima di grande tensione – non dimentichiamo che il nazionalismo era ancora molto forte e idee come “autonomia” o “federalismo”, benché ampiamente desiderate dalla popolazione locale, erano guardate con un certo sospetto – le grandi potenzialità, anche politiche, della giornata del 21 settembre vennero vanificate da episodi allarmanti, in cui le forze di polizia ebbero un ruolo di primo piano.

Nella notte antecedente a Mori erano comparse sia scritte inneggianti all’Italia, sia scritte a carattere separatista o hitleriano. Benchè in apparenza contrapposte, parevano essere state effettuate dalle medesime persone.

La situazione non cambiò il giorno della manifestazione: nel corteo autorizzato, a cui aveva preso parte anche la banda di Termeno in abito tipico, venne esposta la bandiera tirolese. Questo scatenò le forze dell’ordine che sorvegliavano l’evolversi del pacifico evento: la bandiera venne sequestrata e, nonostante l’intervento di Valentino Chiocchetti, fu arrestato un manifestante.

Malgrado il trambusto, gli asarini continuarono con la manifestazione: Toni Ebner, in rappresentanza della SVP, dichiarò dinnanzi al pubblico di aver «già avuto un’altra volta l’onore di rappresentare il popolo sudtirolese ad un raduno di asarini a Trento. Anche quella volta la bandiera tirolese c’era, vi erano 20 mila persone e la bandiera non la levarono». Le parole di Ebner furono interrotte dal lungo applauso degli astanti. «Questi applausi», concluse il futuro deputato sudtirolese, «non sono rivolti a me come persona, ma al popolo tirolese e sono una garanzia della volontà di collaborazione.»

Nei giorni successivi gli esponenti di spicco del Movimento vennero perquisiti e arrestati e solo nel 1978 Chiocchetti, commentando gli eventi di Mori ebbe a dichiarare: «Nel momento in cui accadevano quei fatti il movimento asarino era assalito da tutte le parti: la stampa ne calunniava gli scopi, i partiti lo insidiavano per ragioni evidenti, alcuni dei suoi capi erano già stati messi a tacere, in quell’aurora di democrazia… Stava per fallire non un grande movimento, ma una grande idea: quella della comprensione supernazionale».

I “fatti di Mori” e un’ulteriore serie complessa di azioni e operazioni politiche e giudiziarie tentarono in ogni modo di minare le relazioni tra gli autonomisti trentini e quelli sudtirolesi per favorire una implosione di questo grande movimento politico, autonomista e trasversale, che fu l’ASAR.

A 70 anni da quei fatti, fa specie assistere alla preoccupante azione del governo spagnolo nei confronti del popolo catalano: oggi come allora non è un bel segnale quando alla libera espressione si risponde con gli arresti.

Pubblicato in Notizie  il 21 Settembre 2017 '' ''

Archivio

Archivio notizie

Agenda

Nessun evento in agenda…

Tutti gli appuntamenti

PATT